Skip to content

BMMG.US

Bmmg.us

Autocertificazione di residenza modulo da scaricare


In questa pagina mettiamo a disposizione un modulo di autocertificazione di residenza da scaricare e stampare. Si tratta di un modello. In questa guida spieghiamo in cosa consiste l'autocertificazione di residenza e mettiamo a disposizione un fac simile da scaricare. Si tratta di. La mancata accettazione della presente dichiarazione sostitutiva costituisce violazione dei doveri d'ufficio (art D.P.R.. /). Moduli per l'autocertificazione di residenza da compilare e stampare al fine di il primo in "doc", può essere scaricato sul proprio pc e compilato attraverso un. Modulo di autocertificazione di residenza. residenza. certificazione di residenza. ATTENZIONE. Compilare tutti i campi obbligatori per proseguire. Cognome *.

Nome: autocertificazione di residenza modulo da scaricare
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 62.70 Megabytes

Commenti: 0 Fase due, pubblicata la nuova autodichiarazione: ecco la guida su come compilarla senza commettere errori e il modulo. PDF da scaricare. Ricordiamo che compilare e firmare il modello di autocertificazione è necessario quando si esce da casa; ecco perché è importante sapere cosa scrivere, in modo da non avere problemi con le autorità in caso di controllo.

Qui la nuova autodichiarazione rilasciata in queste ore dal Viminale; di seguito, invece, ecco una guida su come compilarla nella maniera corretta. Come avrete notato, la prima parte è molto semplice da compilare, visto che è qui che vanno indicati i propri dati personali.

La prima voce è quella in cui dichiarate di non essere sottoposti alla misura della quarantena, ovvero di non essere positivi al COVID in caso contrario, infatti, non potreste uscire di casa salvo gli spostamenti disposti dalle Autorità sanitarie. Ricordate che gli spostamenti dentro Regione sono sempre consentiti per motivi lavorativi, di salute e per altre necessità, mentre quelli fuori Regione solo per lavoro, motivi di salute o assoluta urgenza.

Nel punto 4 dichiarate di essere a conoscenza delle ulteriori limitazioni disposte con provvedimenti del Presidente della Regione. Sempre qui dovete specificare il motivo dello spostamento, come ad esempio il ritorno presso il proprio domicilio o residenza.

Dimora La "dimora" coincide con il luogo in cui la persona abita o permane per un certo periodo ed in modo non abituale. L'autocertificazione di residenza nei rapporti con i privati Nei rapporti con i privati, invece, il discorso cambia, visto che per costoro non sussiste alcun obbligo.

Nel caso in cui il privato non accettasse l'autocertificazione, al cittadino non resterebbe che recarsi all'ufficio anagrafe, esibire il documento di identità e richiedere il rilascio del certificato di residenza. Da segnalare che alcuni comuni consentono ai propri cittadini, previa registrazione sul sito ufficiale, di stampare autonomamente da casa il certificato di residenza e non solo oppure di riceverlo per posta. Lo possono fare: i cittadini italiani e comunitari gli extracomunitari con regolare permesso di soggiorno.

Autocertificazione residenza: cosa scrivere i propri dati anagrafici l'indirizzo di residenza. Inoltre, bisogna certificare di essere sia a conoscenza delle misure contenitive, sia delle sanzioni che possono essere applicate in caso di violazioni.

Nel modulo, come nella sua versione precedente, si dovrà anche certificare di essere consapevole delle varie ordinanze regionali in caso di spostamento tra Regioni differenti. Con il nuovo decreto, sarà comunque autorizzato lo spostamento nelle altre Regioni solo per motivi lavorativi o di salute. Infine, al punto in cui bisogna indicare il motivo dello spostamento, tra le varie opzioni si legge: esigenza lavorativa, assoluta urgenza, situazione di necessità, motivi di salute.

I congiunti nella nuova autocertificazione per la Fase 2 Come già detto, la novità per l'autocertificazione a partire dal 4 maggio riguarda la possibilità di fare visita ai propri cari: questa è considerata come una "situazione di necessità". Per specificare la motivazione della visita ai congiunti, sarà possibile utilizzare le sei righe bianche "a risposta aperta" presenti nel nuovo modello. Non sarà necessario indicare nome, cognome e altri dati personalità del congiunto a cui far visita, ma sarà possibile indicare il grado di parentela.

Chi sono i congiunti ai fini autocertificativi Fin dalla dichiarazione del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il dibattito su cosa si intendesse per "congiunti" ha imperversato.