Skip to content

BMMG.US

Bmmg.us

Canzoni comuniste da scarica


  1. Canzoni di lotta
  2. Le 5 leggendarie canzoni russe che tutti conoscono nel mondo
  3. canti partigiani - bella ciao - fischia il vento - i ribelli della montagna

Invitiamo tutti i lettori a contattarci se hanno altre canzoni da inserire ed Nota: per scaricare gli audio cliccare con il tasto destro del mouse sul brano che. E lu menestre colombe e venute da rome Fausto Amodei La canzone della classe dirigente Canzoniere Internazionale Canzone per Giuseppe Pinelli. Canzoni rivoluzionarie da scaricare. bmmg.us Molti dei dischi qui citati li ho a casa Addio_Lugano_bella. Scarica PDF testo. Una mattina E se muoio da partigiano o bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao e se muoio da partigiano tu mi devi seppellir. Seppellire . Scarica PDF testo . un vero canto popolare di tradizione orale" (Cesare Bermani) Trae infatti origine dalle linee melodiche di due canzoni popolari lombarde.

Nome: canzoni comuniste da scarica
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 47.53 MB

Canzoni comuniste da scarica

Roberto Leydi fa risalire il testo alla nota ballata popolare Fior di tomba , e la musica ad una filastrocca infantile derivata dall'altra nota ballata popolare Bevanda sonnifera. Posteriore alla versione partigiana è un canto di risaia , dal repertorio di Giovanna Daffini, ma la musica di Bella Ciao è stata anche più volte utilizzata per canzoni nate in occasione di lotte di fabbrica.

Savona A. Virgilio, Straniero Michele L. Ora ho ripristinato, c'erano molti link rotti, adesso sono corretti.

Il giorno successivo fu trasportata nel carcere presso i Gesuiti. Dopo ottanta giorni fu nuovamente interrogata e torturata nel carcere in via Cologna, poi trasferita al Coroneo e dopo due mesi fu internata in Germania. Privileggi Iginio , riconoscimento ricevuto nel Il criminale sopraindicato è stato liquidato dalle nostre autorità come risulta dal rapporto della Commissione per i crimini di guerra in Istria numero Stefanutti Romeo , riconoscimento ricevuto nel e nel Vuoi vedere che….

Il braccio destro di Fini. Attualmente è segretario generale del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo. E in effetti, leggendo gli atti del dibattito parlamentare sulla legge istitutiva del Giorno del Ricordo, il punto di maggior contrasto tra coloro che votarono a favore risulta essere stato proprio quello riguardante la possibilità di conferire la decorazione ai repubblichini.

Nella sua relazione introduttiva, Roberto Menia disse esplicitamente che si sarebbe dovuto dare un riconoscimento ai volontari del Btg. Si parte, magari come fa il senatore Servello, dalla richiesta della restituzione dei beni agli esuli, per poi magari pretendere la restituzione dei territori. Oggi sappiamo che i timori espressi da Basso erano più che fondati. Lo sapevamo già allora, a dire il vero. Lo sapevamo fin dal , quando Menia, presentando la sua primissima proposta di legge, disse in aula:.

Ributtati nelle loro zone di origine dalle armi tedesche e da quelle della Repubblica sociale italiana, tornarono con la fine della guerra e, dal maggio — padroni incontrastati della situazione — completarono le loro vendette con altri massacri, con altre stragi.

Canzoni di lotta

Ci chiediamo allora perché a suo tempo Basso e altri dubbiosi avessero comunque votato a favore. La risposta probabilmente è: ordine di scuderia. La posizione dei secondi invece è del tutto coerente con la storia da cui provengono.

Ma torniamo alle onorificenze ai repubblichini. La legge affida questo compito a una commissione formata da 10 persone: — quattro sono militari degli uffici storici degli stati maggiori delle forze armate esercito, marina, aeronautica, arma dei carabinieri ; — quattro sono rappresentanti delle associazioni degli esuli; — uno è nominato dalla presidenza del consiglio; — uno è nominato dal ministero degli interni.

I nomi dei membri della commissione non sono di pubblico dominio.

Nemmeno i nomi dei decorati lo sono. Scartabellando sul sito del Ministero della Difesa, si possono comunque trovare i nomi dei militari degli uffici storici aggiornati al : Col. Antonio Zarcone , C. Francesco Loriga , Col.

Vittorio Cencini e Col. Riccardo Basile è stato membro della commissione fino alla sua morte nel Sugli altri nomi nebbia fitta. La conoscevate? Beh, oramai non resta altro da dire: nulla di nuovo sotto il sole.

A Dio verrebbe soltanto da dire: salvaci dagli ex comunisti, anzi, da quelli che non lo sono mai stati , per essere precisi.

Oddio, che il Dalla da Bologna già da anni e anni avesse subito una delle più penose involuzioni della storia del cantautorato italiano, lo si sapeva più che bene; che oramai più nessuno lo considerasse altro che un canzonettaro qualsiasi -sicuramente dotato musicalmente, certo-, è palese.

Quel che segue, quindi, deve in fondo tutt'altro che stupire. Ne rendiamo conto, come sito di canzoni che ne ospita alcune di sue, senza nessun problema e, anzi, con immutata convinzione; non sarebbe possibile non tenere conto, ad esempio, de Le parole incrociate anche se qualcuno ha detto giustamente che una canzone bella come quella, Dalla non se la meritava.

Insomma, tutto questo per dirvi che, dopo il Lindo Ferretti, pure Dalla si è convertito sulla via di Damasco. Non contento del solito Ratzinger, è divenuto pure un adepto dell' Opus Dei , la santa organizzazione del cui fondatore, mons. L'Opus Dei, la avete presente? Quella cosina che, praticamente, per una cinquantina d'anni ha avuto in mano la Spagna franchista, implicata nei peggiori troiai di questo secolo e non solo in Spagna eccetera eccetera.

Da oggi conta su un nuovo apostolo impegnato contro l'ateismo , antiabortista, antirelativista eccetera eccetera; insomma, tutto il consueto corollario del pippocristiano di inizio millennio. Riportiamo, dal Corriere della Sera , l'intera intervista a Dalla, senza nessun altro commento; è una testimonianza di tante cose. Ognuno ne tragga le proprie conclusioni, che magari potrebbero essere, legittimamente, molto diverse dalle nostre.

Lo dice oggi Lucio Dalla.

Pochi mesi ai sessantacinque anni, alle spalle una storia di note e parole diventate immortali, l'artista bolognese racconta la sua anima di oggi, che abbraccia fede, religione e Dio. Meduza - Piece Of Your Heart ft.

Goodboys Scarica Mp3. Non fa per me Scarica Mp3. Look Back at It feat.

Le 5 leggendarie canzoni russe che tutti conoscono nel mondo

Charlie Charles - Calipso with Dardust ft. Duemila volte Scarica Mp3. Se Tornerai Scarica Mp3. Scatola Nera Scarica Mp3. Il tuo profumo Scarica Mp3. Non capisco. Sollecitato da compagni di immarcescibile fede comunista ho pensato un compendioso epitafio per questo eroe centenario che prendeva un 6.

Per quanto concerne i euro devo dire che sono appannaggio di tutti gli ex presidenti della Camera ed anche quindi dei vari Casini, Fini, Pivetti, ecc. Ma a parte questo, senza polemiche mi interessa il dato storico. Il compagno Ingrao proveniva da famiglia benestante.

Ha sempre vissuto agiatamente. Buon per lui. Nel Friuli la Resistenza era formata da Comunisti raggruppati nelle formazioni Garibaldi e da tutti gli altri nelle formazioni Osoppo. La Osoppo si oppose. La Garibaldi con un inganno prese e uccise 23 membri della Osoppo, tra cui il fratello di P. Pasolini e quello di De Gregori. Il nostro Ingrao era già attivo nelle Garibaldi.

Il nostro Ingrao era nella direzione del PCI. Ho risposto per quanto so. Tuttavia le due questioni sono ormai nella storia e troverà montagne di documentazione in qualsiasi biblioteca o anche in Internet. Destinato a continuare a non capire! Si capisce che è intrisa di sarcasmo come il mio post precedente? Caro Pulp affogato?? Per cui se vuoi fare un ragionamento serio, OK se vogliamo dirci le barzellette va bene lo stesso, anzi forse anche meglio, ma diciamocelo chiaramente!

O almeno quanto bastava a garantirgli un radioso futuro nella nuova repubblica. Te li puoi cercare in rete. Che la corruzione sia dilagata durante il fascismo, caro Silvio, è un faslo storico, spero involontario. Giusto un fascista come te riesce a dire che Almirante si era redento, che il 25 aprile e Bella Ciao sono retorici…. Non si devono chiamare più fascisti, poiché è divenuto sinonimo di regime intollerante e despota sopratutto con i poveri, gli altri.

Poi possono anche ispirarsi a Mao, ma se si fanno chiamare fascisti, è inutile. Se volete essere accettati, cambiate! Guardi che anche i comunisti si sono comportati da comunistacci eh? Personalmente non ho nessuna simpatia per chi prende soldi dalla Russia, si chiami Ingrao o Salvini.

Signori di destra! Io, con tutto il rispetto, preferirei tenermi gli ascendenti che ho. Vuole mettere, anzi con i divertimenti dei sommergibilisti, pensando al mio amico Silvio, che oltretutto si divertivano per una causa sbagliata? Aveva 23 anni, quando, uccise in uno scontro nei boschi un tedesco.

Credo sia rimasto scioccato per il resto della vita. Il suo amico era in buona fede, ma, siamo proprio sicuri, che, avesse un senso, continuare? Saluti Cari,. Caro Andrea, la cosa più saggia sarebbe che ognuno si tenesse i propri ideali sballati, o meno, senza cantare i propri vecchi inni che risvegliano brutti ricordi.

Tuttavia, se era questo che volevate, sia Lei che Suo padre potete essere almeno in parte soddisfatti: una sorta di regime comunista si è instaurato e al governo si canta bella ciao. Se non è quello che volevate, è accaduto, purtroppo, lo stesso. Certo, come dicevo prima, abbiamo la libertà di starnazzare come ci pare e se abbiamo i soldi possiamo anche andare a sdraiarci su una spiaggia tropicale; quindi evviva, possiamo dire che abbiamo la libertà. E quando sento i ministri della repubblica cantare bella ciao faccio due più due e vedo confermate le mie considerazioni.

Non penserà mica davvero che sia veramente tutta colpa della sinistra? O piuttosto, qualcosa si é fatto con ritardi per cercare di sbloccarla. E allora? No, caro Andrea, non siamo peggiori degli altri, solo abbiamo il difetto di accomodarci lietamente ad essere servi degli altri. Gli ipocriti di quella che un tempo era la filiale in Italia di Stalin e che oggi trescano oltre atlantico perché hanno capito che potere e soldi oggi stanno là hanno distrutto questo Paese con la complicità degli altri ipocriti della DC, in particolare quella di sinistra.

Naturalmente quelli che si sono presi i potere a colpi di ….. Aggiungerei che la mattina prima, quando si era alzato, aveva trovato i Tedeschi alleati che erano venuti a difenderci dagli Americani sbarcati a Cassibile gli invasori , e che, dopo un tradimento, vera specialità di casa Savoia, erano, chisa come, divenuti, il giorno dopo, diventati loro invasori.

Gli eccidi di civili fatti dai Tedeschi come quelli fatti da qualsiasi altro esercito non sono giustificabili. Carlo Martello ha ragione.

Dove i comunisti hanno avuto affermazione politica, lo sviluppo viene ritardato se non bloccato, le loro lobby politiche politicamente corrette sono nefaste. Aspettiamo dunque la fine di Napolitano che purtroppo rompe ancora. Persone che mettono a rischio i propri denari per il soddisfacimento delle proprie legittime ambizioni di arricchirsi dalla realizzazione di un progetto in cui investono le proprie energie.

Queste persone hanno reso possibile la rivoluzione industriale e e realizzato tutti quei prodotti che ne sono derivati: le medicine con cui ci curiamo, i mezzi con cui ci spostiamo ecc. I lavoratori infatti stanno oggi sicuramente meglio di come sarebbero stati senza la vituperata borghesia, usata qualche decennio fa come un insulto.

Le cose di cui godiamo non sono state create dai funzionari di partito cari alla SX né dagli intellettuali di cui la SX stessa si dice rappresentante. I liberisti creano nuova ricchezza, i collettivisti vogliono che quella esistente passi di mano, transitando dalle loro. La collettivizzazione in qualche caso è stata vagheggiata dai partiti della SX che sapevano non sarebbe stata possibile per incantare la propria mandria, la quale li ha seguiti e ancora continua a credere alle loro storielle farneticanti di giustizia, libertà,uguaglianza, democrazia ecc salvo poi smentirle nella concreta azione politica in modo talmente sfacciato da aver superato di varie lunghezze la DX più retriva.

Molto migliore. Se è seria e non riesce a prendere in considerazione che tre per tre fa nove ma anche uno, io non posso aiutare. Letto Chaunu? Questa intervista è anche più sulfurea. Una visione astratta e caricaturale esente da sentimento. Nel si parla ancora di collettivismo in contrapposizione a che cosa, poi? Teniamo duro! Sferzante come sempre. Condivido in pieno. La necessità di dividere è per la sinistra indispensabile per la propria sopravvivenza. La ricerca del nemico è fisiologica.

Il fascismo, che si fa finta di non sapere è nato da una costola della sinistra socialista rivoluzionaria, è solo un bersaglio cui rivolgere le proprie frustrazioni di rivoluzionari falliti e sessantottini invecchiati male, nonchè di giovinastri violenti che invece di studiare e lavorare vanno a sfasciare le città.

Si, anche voi di bella ciao. Caro rob rob; francamente non so come funzioni, nei giornali di sn. Se ti prendi il disturbo di rileggere il percorso dei miei interventi, qualcosuccia che ti solleciti un minimo di riflessione, magari la trovi. Il Vs.

Non mi basta, vorrei altro. Uno per tutti la foto dei partigiani. In quanto al mio essere di destra ti comunico che sono nato a sinistra da famiglia di sinistra moderata, non comunista, per fortuna, ma ora mi ritrovo nella destra e nei suoi valori, che per te sono solo merda ma che per me sono importanti. Mi dispiace, ma non apprezzo la gente come te. Non so dirlo in altro modo. La sua applicazione sta agli uomini, e non sempre sono in grado di farlo. Ma i tuoi argomenti sono sempre gli stessi, quelli che usano i grillini e fac-simili.

Per cui poche tasse, Stato minimo, sicurezza, legge ed ordine, mercato libero. Pochi e semplici principi. Le seghe mentali le lascio ad altri.

Con voi mi attengo a discorsi terra terra. A Lei basta essere comunista per sputtanarsi. Rob-Rob Terra-Terra…. Non ci parli di cose più complesse altrimenti non ci basta la vita per leggerle.

Un Buf-Buf-Buffetto! Sottile umorista o disattento lettore analfabeta? Forse era una battuta? Dove sta il gioco? Il ritmo? Che ne abbia detta una giusta anche Lei?! Sa che comandiamo noi rossi ora vero?! Stia nei ranghi! Noto che ancora non é andato dove le avevo detto. La potrei deferire alla Boldrini! Ma ora mi lasci andare, mi aspettano a catechismo a studiare Marcuse. Tu non comandi un cazzo. Nessuno ti lascerebbe comandare alcunché di importante. Sei troppo pirla.

Al massimo potrai comandare alla donna delle pulizie. Oltre che arrogante anche classista! Tutta roba da cassonetto, e ora la pianti di rompermi i coglioni!. Notata la sconcertante foto a colori di Vigo? Comunque, Lasciando in pace i morti recenti, per me, si trattava di una generazione di gente molto più seria di quello che abbiamo visto, anche, diciamo da Craxi compreso in poi. Ma per, me, si trattava di persone di altro spessore culturale e umano. Trovatemi, adesso, un altro Berlinguer, Nenni, Rumor o Moro.

A distanza di tanti anni, non credo che abbia senso che le figlie raccontino storie. Immaginatevi ora! Preferirei risposte serie. Le vorrei postare i risultati di una mia ricerca della banda Carità operante nela mia zona; torturatori fascisti, italiani al servizio delle SS. Per estorcere confessioni e carpire informazioni usavano molti modi: dalle torture psicologiche impedire il sonno per disorientarli e altro ai pestaggi, ma il nucleo centrale del trattamento era quando i carnefici inveivano con scariche elettriche ai genitali o strappando le unghie con le pinze.

Chi sopravviveva senza confessare veniva fucilato o deportato nei lager tedeschi. Nella sede padovana, come in quella fiorentina, il maggiore Carità aveva tra i suoi più feroci collaboratori il tenente ed ex sacerdote Giovanni Castaldelli rodigino di Bergantino. Dopo qualche contrasto i pecoroni agli ordini dei leaders, ubbidienti, sulla sinistra, sulla destra e al centro si dispongono in aspri schieramenti.

Con feroci belati disquisendo su economia, valori, Europa e società fieri si contrappongon per provare dei lor pareri la validità. Libertà di parola e associazione i diritti e i doveri, scopi e fini nel rispetto della Costituzione nata dalla Resistenza degli ovini. Il pastore appartato tace e guarda delle pecore il caos indistinto. Il pastore tranquillo guarda e tace, del loro accapigliarsi non si cura.

Sereno aspetta; ei sa che presto o tardi giunge il momento della tosatura.

canti partigiani - bella ciao - fischia il vento - i ribelli della montagna

Finalmente un intervento chiaro, condivisibile, senza orpelli di sorta ma concreto. Chi potrà mai confutarlo o dissentire? Ora che abbiamo tempo, possiamo prendere in considerazione gli impedimenti che gravano su di lei? Ci crede ma non le legge. Non intendo il concetto, naturalmente! Tutte torture eseguite da più persone che si ubriacavano di cognac o usavano cocaina e che si davano di continuo il cambio.

Quando le torture non bastavano, si procedeva alla fucilazione, come per la partigiana ebrea bolognese Anna Maria Enriques Agnoletti, torturata e obbligata a restare in piedi per 7 giorni senza sedersi e senza dormire prima di venir uccisa a fucilate.

Ma adesso basta. Seppelliamo queste vicende insieme a Ingrao, avremmo già dovuto farlo molti anni fà. Morti tutti o quasi. Andiamo avanti. Quindi non sparare troppe cazzate…. Compagno Andrea, lei dice di aver avuto parenti fucilati da chi?

Ma ci sono anche altri che hanno avuto parenti assassinati, e non fucilati il mio caso dagli eroici cialtroni. Guardi se é a me che si riferisce; Andrea P beninteso P sta per pirla ho postato da poco tutta la storia ad Andrea Cucina. Alfredo Epaminonda Troya detto don Ildefonso nel era un monaco di 29 anni nato ad Arcinazzo Romano. In veste di vice parroco del convento vallombrosiano di Santa Trinita a Firenze, aveva inizialmente dato soccorso ai prigionieri alleati servizio organizzato dal parrucchiere Ferdinando Pretini , ospitando nel convento una missione badogliana e soldati del disciolto Regio Esercito.

Fosse stato solo un problema di preti! Meno male che è morto. Un po troppo tardi,a anni,ma è morto. Se ne è andato via uno degli ultimi dinosauri della nefasta ideologia comunista. Non ci ha pensato la guerra a portarselo via,nemmeno gli eventi post apocalittici ne gli uomini. Ci ha pensato Madre Natura. Al canto di bella ciao e coccarde rosse…Finalmente se ne è andato. Un uomo che ha tramato per decenni assieme ai suoi amici di merenda contro il suo paese. Adesso aspettiamoci che Madre Natura si porti via gli ultimi 3 rottami obsoleti e fuori dal tempo che tra non molto saranno buttati nel Cesso della Storia assieme a lui.

Speriamo sia presto. Il fascismo è morto nel giro di 20 anni in Piazzale Loreto…. E se è tale vuol dire che ci sono ancora dei criminali in giro che lo sostengono.. Il male del comunismo? Il NON sapersi adattare ad un mondo che cambia continuamente in maniera rapida e veloce.

Perchè la Boldrini è democristiana? E non ci sono i vendoliani, i bersaniani? Ma Lei vorrebbe le brigate rosse a palazzo Chigi? Capisco che accontentarsi di un cattocomunista come Renzi non è il massimo, ma abbia fede vedrà che,al canto di bella ciao, prima poi bandiera rossa la trionferà. Forse quelli che saranno meno contenti saranno prprio i deboli.

Gli altri, i furbi, se la caveranno sempre, e iil popolo fiducioso nella sinistra estrema la prenderà in saccoccia. Scommettiamo, se accadrà? Il mondo non è nè onesto nè disonesto, è semplicemente il mondo, fatto di crude realtà. Conosco vari grillini e non sono di sinistra, neanche dolce, qualcuno è anche fascista. A questo punto abbiamo provato di tutto meno la sinistra più o meno vera, li fanno forse questi qui al governo gli interessi delle classi subalterne, tipo me, stanno portando avanti il programma della p2 che poi era ripreso da Berlusconi, bella sinistra davvero.

La bandiera rossa non arriverà, abbiamo già la Jolly Roger, ovvero quella dei pirati, perchè tali sono i nostri capi, al servizio del capitale e degli stranieri, spero solo che DAnte abbia scritto la verità. Lei conoscerà personalmente dei grillini fascisti e non lo metto in dubbio, ma quello che si sente declamare in tv e suoi giornali è da sinistra ipermassimalista.

Qualcuno di loro, in parlamento, ha addirittura mostrato di condividere lo slogan di cento mille Nassirya. Io credo che avrebbe potuto fare più danni di quelli della sinistra mascherata che ci governa, che già bastano e avanzano, ma questa è solo una mia opinione. Le consta che i poveri cristi se la passassero e se la passino meglio? Di chi governava e governa con tutti limiti della natura umana, quando non addirittura con la cattiveria di cui la natura umana è capace.

Il detto di Plauto, Homo hominis lupus, non è mai stato smentito in più di duemila anni. Non rimane quindi che sperare, per tutti ma sopratutto per i poveri cristi, di capitare con chi governa il meno peggio possibile. Chiunque sia. Un saluto e un ricordo dei vecchi tempi in Marina.

Purtroppo dopo anni anche io sono giunto alla stessa conclusione, che dei poveri cristi non frega niente a nessuno, sotto tutte le bandiere rosse bianche o nere. Bai tempi quando ero in Marina, avevo ventanni e pochi pensieri, sono andato vicino a restarci per sempre, e forse era meglio. Se ci fosse pudore in politica e un briciolo di onestà bisognerebbe anche ricordare i trascorsi fascisti di Pietro Ingrao ed un sospetto di opportunismo prenderebbe il posto di una venerazione finta e di comodo.

Carlo Clemente. La loro è una poesia nuova, del tutto diversa da quella di Giosuè Carducci e Giovanni Pascoli proprio Giovanni Pascoli fu il tema della sua tesi di laurea in lettere , conosciuta negli studi al Vitruvio Pollione, e in parte amata prima di conoscere e amare i poeti ermetici. Figlio di proprietari terrieri e nipote di un siciliano che combattè con Garibaldi, decide di dedicarsi totalmente alla politica nel con la Guerra di Spagna….

Nel entra nel PCI clandestino…. Se ci fosse pudore e un briciolo di onestà certe sciocchezze non si dovrebbero scrivere, vero Clemente? Per il livello culturale questa mi sembra più indicata! Mette subito a proprio agio il potenziale e interessato lettore. Grande errore di comunicazione, uno inizia e ti manda subito al diavolo! Facciamo finta che esista una dittatura.

Magari morbida. Magari con libertà soppresse che non interessano la maggior parte delle persone. Notato tu gente del popolo che usciva dalle librerie con libri avvolti in carta di giornale come gli alcolici durante il proibizionismo? O che a notte fonda ascoltava stando sotto le coperte musichette jazz suonate da negri? Ma non si possono considerare fascisti o ex fascisti, mi pare?

Caro Del Vigo, i nostalgici delle gesta del triangolo rosso imperversano anche sul Giornale. Mi meraviglio che non abbiano orgogliosamente pubblicato anche la foto di piazzale Loreto per concludere degnamente i loro interventi.

Perchè sono convinto che per loro quella barbarie è motivo di orgoglio. Suvvia, non se la prenda. Mario ne abbiamo già parlato. E invece su un camioncino vestito da soldato tedesco che tentava di fuggire in Svizzera, preso da partigiani semi-analfabeti e assetati di vendetta avrebbe mai potuto fare fine diversa?? No non hanno la mia approvazione come non la hanno quelli che hanno giustiziato Ceausescu o tanti altri dittatori che ha visto la storia.

Ho solo detto che a quel punto catturato in quel modo e da quelle persone era difficile che succedesse qualcosa di diverso. Pensa invece a quanti sospetti ha alimentato la molto meno chiara notizia della morte di Hitler… Non ci provare a fare giochini di parole… Salutoni. E non prenderlo per un gioco di parole, sono sincero. Certo, le folle. Ma questa volta la folla faceva solo corona agli esecutori materiali, i partigiani rossi, al soldo della Mosca sovietica. Comunque, alla fin fine, che stiamo ancora a recriminare.

A Gheddafi è andata pure peggio. Ma no Mario, sai bene come sono andate le cose e non capisco perché scrivi questo. I partigiani italiani erano in gran parte dei cani sciolti e assolutamente più in contatto con il comando alleato che con i sovietici.

Lo stesso Togliatti, pur essendo cresciuto a Mosca, ormai aveva concordato tutto con gli americani. Poi certo non sono mancate le teste calde e qualche illuso che pensava che una sorta rivoluzione bolscevica fosse ancora possibile, ma la sostanza concreta era quella. Immaginiamo, infatti, cosa poteva succedere il 18 aprile del se il partito comunista avesse vinto le elezioni, cosa non improbabile.

E che la rivoluzione bolscevica potesse attecchire anche in Italia, nonostante gli americani, non erano solo pochi illusi a crederlo. Ma ammettiamo che i capi partigiani rossi, a proposito di Mussolini, abbiano agito di propria iniziativa, cosa cambia?

Comunque convengo con te che finchè è durata la guerra fredda, liberarci dal salvifico, divenuto in seguito maligno, abbraccio degli USA sarebbe stato, specie ad un certo punto, impossibile. Ma dopo, senza bisogno di alcuna rivoluzione di piazza, il sistema socialpostcomunista, quale che sia il nome che ha adesso, ha trionfato davvero e ce lo stiamo, o meglio ve lo state, godendo.

E poi il socialismo, perdona la mia ostinatezza che so trovi eccessiva, difficilmente ha fatto contento qualcuno. Non potrei temere una cosa sotto molti aspetti senza un kgb nostrano, certo, ma con qualche magistrato intoccabile in compenso già accaduta.

Che oltretutto osservo dal di fuori. Un caro saluto. E per me questo rimane assurdo. Se i social-comunisti avessero vinto le elezioni che sarebbe successo??

Questa per me è solo una tua pura fantasia. È piuttosto il pensiero cattolico e il cattolicesimo politico la forza pervasiva ed invincibile nel nostro paese, altro che comunismo e sinistra! Caro Silvio, ieri sera sono rientrato troppo tardi per approfittare delle ghiotta opportunità di polemizzare con te.

Per cui lo faccio questa mattina dopo una buona doccia e la prima colazione spremuta di pompelmo o arancia e uno yogourt con un cucchiaino di marmellata dentro; consigliabile a tutti i non più giovani e dopo espletate alcune altre faccende.

Conservo religiosamente alcuni scritti di mio nonno, il cui fascino ideale mi ha sempre emozionato. Specie da giovanissimo. Spesso con conseguenze disastrose.

Altro che passatismo, al massimo banalità.

Ne dubito, ma anche ammesso ne erano egualmente i proconsoli, autonominatisi.